Sabato 24 Novembre - ore 18.30

Palazzo Caetani - Fondi (LT)

GIORNATA MONDIALE

CONTRO LA VIOLENZA

SULLE DONNE

SILVIA MARTINELLI

soprano

ANDREA TROVATO

soprano

Ingresso: 5 euro

PROGRAMMA
"I grandi personaggi femminili nel melodramma"​
W.A. Mozart
“Deh vieni, non tardar” (da Le Nozze di Figaro)
G. Rossini
“Una voce poco fa” (da Il Barbiere di Siviglia)
G. Donizetti - F. Liszt
Reminiscenze dalla Lucia di Lammermoor 
G. Donizetti
“So anch'io la virtù magica”
(da Don Pasquale)
***
V. Bellini
“Casta Diva” (da Norma)
G. Verdi 
“Addio del passato” (da La Traviata)  
 
G. Verdi - F. Liszt
Rigoletto - Parafrasi da concerto  
G. Puccini
“Mi chiamano Mimì” (da La Bohéme)
C. Gounod
“Je veux vivre” (da Romeo et Juliette)

Note di sala a cura della musicologa Silvia D'Anzelmo

Il 25 novembre è la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Una data simbolica, non scelta a caso. In questo stesso giorno del 1960, furono uccise le tre sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana. Una data importante per ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto e che non possiamo continuare a veder crescere il numero delle donne che subiscono maltrattamenti. La violenza sulle donne ha molti volti: quella fisica, quella sessuale, senza dimenticare la violenza psicologica. Il Fondi Music Festival ha deciso di partecipare a questa sensibilizzazione intorno a un tema difficile davanti al quale non si può volgere lo sguardo altrove. E lo fa a modo proprio: con la musica. Il melodramma, infatti, presenta da sempre una gran varietà di tipi umani e quindi anche di donne: dalle angeliche vergini alle femmes fatales, una infinita moltitudine di caratteri femminili appare in scena, ognuna alle prese con i propri ‘guai’ o con le proprie vittorie. La donna nel melodramma è corteggiata e corteggiatrice, vittima e tiranna a seconda del ruolo e dell’epoca. Il soprano Silvia Martinelli e il pianista Andrea Trovato ci presentano una ricca serie di ritratti femminili tratti da opere molto popolari che vanno da Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart a La Bohème di Giacomo Puccini. In questa galleria incontriamo donne come la bella Rosina che Gioacchino Rossini presenta al pubblico con la Cavatina Una voce poco fa. Una fanciulla che può sembrarci docile e obbediente a primo impatto ma che si mostra determinata e inflessibile a ottenere ciò che vuole: Rosina lavora ad armi pari con i personaggi maschili, è un premio ma è lei che decide da chi farsi vincere. Completamente differente è Norma, una sacerdotessa con voto di castità che in realtà è amante e madre. La sua esistenza si divide tra realtà e apparenza: la donna che ama e soffre, grida vendetta e poi perdona, e l’inflessibile sacerdotessa che alla fine si autodenuncia come colpevole di aver amato un nemico del suo popolo e aver infranto i suoi voti. E ancora Mimì, la “gaia fioraia” che sente nel suo petto il freddo lancinante della metropoli, e Violetta che sacrifica le sue aspirazioni personali per l’ordine sociale. Una miriade di sfaccettature queste donne viste e raccontate dagli uomini ma capaci di mantenere il fascino della loro autenticità nelle mille inflessioni vocali che raccontano timori e aspettative, dolori, amori e sacrifici.

Silvia Martinelli, soprano, svolge un’ampia attività artistica, sia nell’ambito della lirica che del concertismo. Ha studiato canto con Margherita Rinaldi, perfezionandosi in seguito con Renata Scotto, Maria Chiara, Claudio Desderi e Julia Hamari. Diplomata in Canto presso il Conservatorio di Musica di Perugia, è stata premiata in numerose competizioni nazionali e internazionali, fra cui il Concorso “Hans Gabor Belvedere” di Vienna e l’Accademia di Perfezionamento del Teatro alla Scala. In seguito alla sua affermazione al concorso "Giovani interpreti per il teatro d'opera" promosso da Agimus-Firenze Lirica (1996), ha debuttato nel ruolo di Cupido in occasione della "Prima" italiana in forma scenica del “King Arthur” di H. Purcell. Da allora è stata protagonista in numerose opere, quali “Venus and Adonis” di J. Blow, “La Serva Padrona” di G.B. Pergolesi, “Il Barbiere di Siviglia” di G. Rossini, “Le Nozze di Figaro”, “Don Giovanni” e “La Finta Giardiniera” di W.A. Mozart, “Rigoletto” e “La Traviata” di G. Verdi, “La Bohéme” di G. Puccini, riscuotendo sempre unanimi consensi di pubblico e di critica. Artista versatile, è impegnata anche in ambito sinfonico, cameristico e liederistico, esibendosi in prestigiose sedi in Italia (al Teatro Comunale di Firenze, al Teatro Rossetti di Trieste, al Teatro Lirico di Cagliari, al Teatro Verdi di Gorizia, etc.); in U.S.A. (a New York presso il Barnard College of Columbia University, presso l’Ives Music Festival di Danbury, al Palladium Theatre di St. Petersburg, al The Art Center Theatre di Tampa, al Royalty Theatre di Clearwater), in Canada (Auditorium Community Centre di Edmonton e a Vancouver), in Spagna (Festival “Concert Classics L'Escala-Empúries”, Festival “Sant Pere de Rodes”, “Liederkreis” di Girona), in Grecia (Sala Parnassos di Atene, Teatro di Rodi), a Malta (Mellieha Nights), in Siria (a Palazzo Azem di Damasco e a Khan Shone ad Aleppo), in Croazia (Rovinj Lietnj Festival),  etc. Recentemente ha tenuto una tournée in Bulgaria, Olanda, Belgio e Lussemburgo, interpretando il ruolo di Musetta in Bohéme in importanti sedi quali Teatro dell’Opera di Stato di Plovdiv, Teatro Carré di Amsterdam, Stadsschouwburg di Haarlem, Teatro Capitol di Gent, etc. Incide per la casa discografica Tactus e Da Vinci Classics

 

Andrea Trovato, pianista e organista, conduce una brillante attività professionale che abbraccia le esperienze più varie, dal concertismo alla didattica. Attivo sia come solista che in formazioni da camera, spazia dalla musica antica a quella contemporanea, dalla lirica al repertorio sinfonico, collaborando anche con importanti enti quali il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e il Teatro Lirico “G. Verdi” di Trieste. Recentemente è stato nominato Steinway Artist, dalla prestigiosa fabbrica di pianoforti Steinway & Sons.

Si è diplomato in Pianoforte nel 1994 presso il Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore, sotto la guida di Lucia Passaglia e si è poi perfezionato presso l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, nella classe di Sergio Perticaroli, conseguendo il Diploma del Corso Triennale di Alto Perfezionamento nel 2001, col massimo dei voti e la lode. Si è diplomato in Organo e Composizione Organistica nel 2000, sempre presso il Conservatorio di Firenze.

Fin da giovanissimo è risultato vincitore di numerosi Primi Premi in prestigiose competizioni nazionali e internazionali, fra cui il T.I.M. (Torneo Internazionale di Musica) di Roma (Cat. Pianoforte, Ed. 1996 - Categoria Organo, Ed. 2000), il Concorso Nazionale "Città di Albenga", il Concorso Internazionale "G. Benassi" di Pavia, il "Premio Debussy" dei Concorsi Internazionali di Stresa, etc. Conduce un'importante attività concertistica che lo ha visto solista, sia al pianoforte che all’organo, in Italia e all’estero (New York, Parigi, Vienna, Atene, Rodi, Bruxelles, Anversa, Chicago, Salisburgo, Colonia…) per prestigiose associazioni concertistiche, tra cui Università Bocconi, Società dei Concerti e Società Umanitaria di Milano, Columbia University, Roosevelt University e Notre Dame University (U.S.A.), Temps Fort Musique e Accueil Musical (Francia), Polyphonia Atheneaum (Grecia), OpusArtis e Associació Pau Casals (Spagna), Ljetni Festival Rovinj (Croazia) e molte altre. Attualmente è Docente di Pianoforte Principale presso l’Istituto Superiore di Studi  Musicali “G. Verdi” di Ravenna. Incide per Dynamic, Tactus e Concerto Classics, KNS Classical.

© 2015 by Associazione Fondi Turismo