08 Settembre 2019 - ore 21.00
Fondi (LT) - Palazzo Caetani

Il mondo della trascrizione

Michael Bulychev-Okser, pianoforte
Biglietto: 5 euro
YOUNG ARTIST: Matteo Pontone, chitarra

Combinando la sua tecnica brillante, la passione musicale, la sensibilità ed il desiderio di esplorare nuovi confini e la musica contemporanea, Michael Bulychev-Okser non è solo un famoso pianista ma anche un compositore, un affermato camerista, un insegnante di pianoforte, un produttore ed un organizzatore di festival musicali.

Bambino prodigio nato da una famiglia di noti musicisti moscoviti, Michael fece il suo primo tour di concerti all'età di 12 anni, esibendosi in diverse nazioni del Mediterraneo (Grecia, Israele, Egitto e Turchia).

Vincitore di concorsi internazionali negli Stati Uniti, in Italia, Spagna, Messico e Andorra, ha ricevuto numerosissimi premi. Dal 2011 è membro onorario dell'American Society - Meet the Composer (New York).

Si è esibito in alcune tra le più importanti sale da concerto al mondo: Carnegie Hall, Merkin Hall, Barge Music (New York), Kennedy Center (Washington D.C.), La Salle Pleyel (Parigi, Francia), Wigmore Hall (Londra, Regno Unito), Heichal Hatarbut (Tel Aviv, Israele), The Saal Palace (Alexandria, Grecia), IBK Concert Hall (Seoul, Corea del Sud), The Rachmaninov Hall (Mosca, Russia) and Centermex Theater (Monterrey, Messico).

Gli ingaggi come solista con l'orchestra lo hanno visto impegnato con la Manhattan Philharmonic, Sarah Lawrence Orchestra, Vienna International Orchestra (Austria), Parnassos Symphony (Mexico), and Rutgers University Symphony.
Come camerista ha collaborato con nomi di primo piano del panorama concertistico internazionale, tra cui: Daniel Pollack, David Dubal, Dmitri Bashkirov, Min Kwon, David Dubal, Robert Lehrbaumer, Aleksander Buzlov, Albert Markov, Antonio di Cristofano, Sergej Stadler, Andreas Frolich, Oxana Yablonskaya, Kynan Johns, Anastasia Kozlova, Alissa Margulis, Borislav Strulev, Anna Shafajinskaja (prima parte al MET, Concertgebouw, New Zealand ecc.), Olga Makarina (Metropolitan Opera), Denia Gavazzeni (Teatro alla Scala), Alla Aranovskaya e molti altri.
Combinando la sua intensissima attività concertistica con la produzione di eventi internazionali, è frequentemente invitato come artista ospite, docente di pianoforte e membro di giuria in importanti festival e concorsi negli Stati Uniti, in Italia, Messico, Spagna, Francia, Svizzera, Olanda, Polonia, Finlandia, Lettonia, Estonia, Cina, Singapore, Corea del Sud, Serbia, Ucraina, Israele, Grecia, Egitto e Georgia.

Come insegnante, lavoro iniziato all'età di 18 anni, ha sviluppato una tecnica propria unica, basata sugli insegnamenti tradizionali integrati da un nuovo sistema volto a pensare la musica interdipendentemente, costruendo un intelletto creativo e potente. La combinazione di questi elementi con la scuola pianista russa ha messo in condizione molti suoi allievi di vincere concorsi internazionali.

E' il fondatore ed il direttore artistico del George Gershwin International Music Competition di New York e del Alion Baltic International Music Festival in Estonia-Lettonia-Finlanda, il principale festival musicale nelle regioni baltiche.

Studente della prestigiosa Juilliard School, Michael Bulychev-Okser è un visiting Piano Professor alla New York University.

Gli impegni più recenti lo vedono impegnato in un recital alla Carnegie Hall, un tour di concerti in Italia, nel Centro culturale cinese a Singapore e performance con i quartetti d'archi di San Pietroburgo e Alion Baltic, collaborando con Sergei Stadler, Anastasia Kozlova, Alissa Margulis, Alexander Buzlov e molti altri.

PROGRAMMA

Anton Arensky

(1861 – 1906)

The Fountain of Bakhchisaray

(trascrizione di Alexander Siloti)

 

Johann Sebastian Bach

(1685 – 1770)

Ich dur Irae - Jesus Christ / Preludio per organo in fa minore

(trascrizione di Ferruccio Busoni)

 

Pier Adolfo Tirindelli

(1858 – 1937)

Mazurka

(trascrizione di Franz Liszt)

 

Hans von Bulow

(1830 – 1894)

Tanto gentile e tanto onesta pare / da Dante

(trascrizione di Franz Liszt)

 

Michail Glinka

(1804 – 1857)

The Lark

(trascrizione di Milij Balakirev)

 

Franz Liszt

(1811 – 1886)

Rapsodia Spagnola

 

***

 

Ferruccio Busoni

(1866 – 1924)

Elegia n.4 / Turandots Frauengemach

 

Johannes Brahms

(1833 – 1897)

Ninna Nanna

(trascrizione di Eduard Schutt)

 

Alexander Alyabiev

(1787-1851)

Allodola

(trascrizione di Franz Liszt) 

 

 Fritz Kreisler

(1875 – 1962)

Liebestod

(trascrizione di Sergey Rachmaninov)

 

George Gershwin

(1898 – 1937)

Due Studi

(trascrizione di Earl Wild) 

 

Sergei Rachmaninov

(1873-1943)

Floods of Spring

(trascrizione di Earl Wild) 

PROGRAMMA

Federico Moreno Torroba

Fandanguillo de la Castellana

 

Johann Sebastian Bach

Preludio in re minore

 

Heitor Villa Lobos

Studio numero 1

 

Leo Brouwer

Studio numero 20

 

Fernando Sor

Studio numero 2 

 

Antonio Lauro

Valzer venezuelano numero 1

Matteo Pontone è nato a Roma nel 1997.

La musica, che coltiva con passione e disciplina, è sempre stata per lui insostituibile compagna di vita.

Appassionato di tutti gli strumenti musicali, si è dedicato allo studio della chitarra classica, mostrando sin da subito grande attitudine.

Allievo del Maestro Claudio De Angelis, prosegue i suoi studi con il Maestro Leonardo De Angelis.

Si è esibito più volte in concerti di giovani allievi presso la Sala Convegni del Tribuna dei Minorenni di Roma e presso la Sala Baldini di piazza Campitelli. Si esibisce con frequenza a Roma, in recital organizzate dall'Associazione Musicopaideia, nell'ambito della rassegna "Una stanza per suonare".

Ha già suonato a Fondi come Young Artist nel concerto organizzato in occasione della Festa della Repubblica il 2 giugno 2018.

© 2015 by Associazione Fondi Turismo