03 Febbraio 2019 - ore 18.30
Fondi (LT) - Auditorium comunale "Sergio Preti"

CONCERTO INAUGURALE

Orchestra da Camera "Città di Fondi"
Vicente Campos, tromba
Grigor Palikarov, direttore d'orchestra
Manifestazione celebrativa 
per i 100 concerti eseguiti
dall'Orchestra da Camera "Città di Fondi"
Ingresso: 5 euro

Note di sala a cura della musicologa Silvia D'Anzelmo

Il Fondi Music Festival apre questa sera la stagione concertistica 2019 celebrando un importante traguardo: i primi cento concerti dell’orchestra da camera città di Fondi. Un evento inaugurale che si trasforma in una festa dell’intera comunità, protagonista assoluta l’orchestra cittadina che si esibisce insieme ad artisti internazionali. A guidarli, infatti, è il direttore bulgaro Grigor Palikarov mentre suona con loro in veste di solista il trombettista spagnolo Vincente Campos.

Si respira aria di festa anche nel programma scelto per la serata. Una parte dei brani viene direttamente dal periodo barocco, quando la musica era fatta soprattutto per sontuose celebrazioni in rappresentanza della classe aristocratica. È il caso della “Suite in Re maggiore HWV 349” che Georg Friedrich Händel compose per accompagnare il re d’Inghilterra Giorgio I nella sua passeggiata sul Tamigi. Si tratta di una musica gioiosa, solare, basata sul genere della suite che mette in fila l’una dopo l’altra danze stilizzate, tratte da vari paesi. Ma è anche il caso del “Preludio” che Marc-Antoine Charpentier premette al suo “Te Deum”, eseguito per la vittoria francese nella battaglia di Steenkerque. Questo Preludio in forma di rondò apre le lodi al signore in maniera trionfale come fosse una vera e propria fanfara per dimenticare l’aria di morte portata dalla guerra e tornare a festeggiare la vita. E poi c’è l’italiano Tommaso Albinoni con il suo “Concerto per tromba e orchestra” in Si bemolle maggiore op. 7 n. 3: esuberanza, estro e leggerezza tra i quali spicca il suono argentino della tromba.

A questo barocco fresco e (apparentemente!) spensierato, si alternano opere composte tra la fine dell’ottocento e gli inizi del novecento. I “Crisantemi” di Giacomo Puccini: un’elegia che condensa in sé la forza drammatica e struggente della Manon Lescaut, l’elegante femme fatale che muore “sola, perduta, abbandonata” nel deserto. La St. Paul’s Suite che Gustav Holst scrive nel 1912 per gli allievi dell’omonima scuola londinese di cui Holst era direttore musicale. Un brano in quattro tempi (Giga, Ostinato, Intermezzo, Finale) dal ritmo incalzante e dalle melodie cantabili che nascondono riferimenti a canzoni popolari inglesi. Una curiosità, quella per il patrimonio musicale tradizionale, alla base dell’intero lavoro artistico e intellettuale di un altro compositore protagonista della serata: Béla Bartòk. Con le sue “Danze popolari rumene”, Bartòk cattura, come in una vera e propria istantanea, quelle musiche cui nessuno aveva ancora dato attenzione: un patrimonio inestimabile che avremmo perso e che, in altri casi, abbiamo perso perché la musica (soprattutto quella di tradizione orale) vive nel tempo e nella sua esecuzione, non è come un quadro che possiamo possedere fisicamente e guardare fino a stancarci. La partitura non parla se noi non la facciamo suonare e se partitura non c’è, l’orecchio diventa unico testimone. Fortunatamente quello di Bartòk era molto attento e allenato a cogliere ogni piccola inflessione di quelle musiche!

PROGRAMMA

 

G. Puccini

Crisantemi

 

T. Albinoni

Concerto per tromba ed orchestra

in Si bemolle maggiore op. 7 n. 3

Allegro

Andante

Allegro

 

B. Bartok

Danze popolari rumene

Jocul cu bățu (ori Joc cu bățu) - La danza con il bastone
Brâul - La cintura
Topogó / Pe Loc - Sul Posto
Buciumeana - La danza del corno di montagna ("bucium")
Poarga Românească - Polka romena
Mărunţel - Minuzia - Danza veloce  

 

G.F. Handel

Suite in Re maggiore per tromba ed orchestra d'archi

Ouverture

Allegro

Aria

Bourree 

Marcia 

 

G. Holst

Saint Paul's suite

Jig: Vivace

Ostinato: Presto

Intermezzo: Andante con moto

Finale (The Dargason): Allegro

 

M.A. Charpentier

Preludio al Te Deum

Il trombettista Vicente Campos ha iniziato i suoi studi alla Scuola di Musica di Montserrat (Valencia) e li ha proseguiti alla Scuola Superiore del Conservatorio di Musica di Valencia con Vicente Prats. A conclusione degli studi superiori di perfezionamento ha conseguito il Premio Speciale come miglior studente di tromba, il 1° Premio Gioventù Musicale e il 1° Premio “Mariano Puig”. In qualità di solista ha collaborato con i maggiori gruppi e orchestre del panorama musicale spagnolo ed europeo. Ha realizzato diverse incisioni discografiche con le migliori orchestre da camera spagnole, in particolare con “I Concerti Accademici” di Francisco José de Castro e il “Collegium Instrumentale”, riscuotendo grandi consensi dalla prestigiosa rivista «Goldberg Magazine». Dal 1996 dirige i corsi e il Festival di Musica da Camera di Montserrat. Attualmente è solista sia del “Grup Instrumental”, all’interno del quale è stato insignito del “National Prize of Music 2005” per la singolare interpretazione, che dell’Orchestra Sinfonica di Valencia e del “Valencia Brass Quintet”. Collabora con il “Collegium Instrumentale” ed è Professore di tromba al Conservatorio Superiore di Musica di Castellón, di cui è anche Direttore.

Grigor Palikarov, nato in Plovdiv (Bulgaria) nel 1971, si è laureato all’Accademia Nazionale di Musica a Sofia in direzione d’orchestra con Vassil Kazandzhiev e Ivan Voulpe, in composizione con D. Tapkov, in pianoforte con Kr. Tasskov e in direzione di coro con St. Kralev. In seguito ha proseguito gli studi in composizione in Austria con Erich Urbanner. Ha debuttato come direttore di opera nel 1994, all’età di 22 anni, con il “Rigoletto” di Verdi nei due principali teatri d’opera bulgari. Al 1998/99 risale il debutto sul podio del Teatro dell’Opera Nazionale con un concerto di gala con la speciale partecipazione della nota cantante bulgara Ghena Dimitrova. Ha proseguito collaborando con Anna Tomowa-Sintow, Elena Obraztsova, Krassimira Stoyanova, Ferruccio Furlanetto, Kurt Rydl, Alexandrina Milcheva, Nadia Krasteva, Nickola Giuzelev. Dal 2001 lavora stabilmente come direttore presso il Teatro dell’Opera nazionale dirigendo un repertorio ampio e articolato che include più di 60 opere e balletti di Mozart, Rossini, Bellini, Donizetti, Weber, Verdi, Wagner, Ponchielli, Mascagni, Leoncavallo, Puccini, Gounod, Delibes, Bizet, Borodin, Rimsky-Korsakov, Tchaikovsky, Prokofiew, Orff e compositori contemporanei bulgari. Dalla stagione 2005/06 ha assunto il ruolo di direttore artistico dell’Orchestra Sinfonica di Pazardzhik. Negli anni seguenti ha tenuto concerti con molti celebri solisti, provenienti dalle principali orchestre del mondo. E’ spesso invitato come direttore ospite in molte nazioni tra cui Germania, Austria, Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo, Polonia, Macedonia, Grecia, Slovenia, Romania, Svizzera, Taiwan, Russia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Giappone, Messico e Uruguay. Ha anche inciso brani sinfonici e operistici come direttore ospite dell’Orchestra Sinfonica della Radio Bulgara. Parallelamente alla sua attività direttoriale, compone musica e si esibisce come pianista con diverse orchestre bulgare. E’ anche membro della M.E.N.S.A. (l’organizzazione internazionale per le persone altamente intelligenti) ed è stato il capo della sua ripartizione bulgara per due mandati consecutivi.

L'Orchestra da Camera "Città di Fondi", fondata dal giovane direttore d'orchestra Gabriele Pezone, raccoglie al suo interno giovani musicisti professionisti provenienti da tutto il territorio delle province di Latina, Frosinone, Roma, Caserta e Napoli. 
Sono molti i membri di questa compagine che si sono perfezionati presso le più importanti insituzioni musicali italiane (Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Accademia del Teatro alla Scala di Milano, Accademia Chigiana di Siena, Corsi musicali di perfezionamento di Sermoneta) e che lavorano in prestigiose realtà nazionali (Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino, Banda Musicale della Marina Militare, Orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala di Milano).
Nonostante la recente costituzione, l'Orchestra ha già maturato un repertorio molto vasto che spazia dal Barocco fino ai brani di musica per il Cinema, passando per tutti i maggiori capolavori del Melodramma italiano.
L'Orchestra ha tenuto 100 concerti, esibendosi in diverse località del Lazio, dell'Abruzzo, del Molise, della Campania, dell'Abruzzo e della Sicilia. Da segnalare (tra le tante) la collaborazione con il pianista Roberto Prosseda, con il violinista Davide Alogna, con il soprano Katia Ricciarelli, con il Coro della Diocesi di Roma diretto dal M° Marco Frisina e quella con il M° Leonardo Laserra Ingrosso, direttore della Banda Musicale della Guardia di Finanza.
L'orchestra ha all'attivo una registrazione per Radio Vaticana con la pianista italo americana Natalie Gabrielli e una apparizione, durante settembre 2014, su RaiTre durante la rubrica settimanale dedicata alla musica classica.

© 2015 by Associazione Fondi Turismo